sostituire con PDF

Speciale gruppi organizzati

Nello straordinario patrimonio archeologico lasciatoci dai nostri antenati, avvolto in uno scenario naturale tutto da scoprire, il Museo didattico della Riserva naturale di Ceto, Cimbergo e Paspardo presenta:

Un giorno da camuno.
… per Grest, gruppi oratorio, gruppi famiglia o gruppi organizzati in genere.

La proposta si pone l'obiettivo di stimolare i ragazzi nella ricerca, la socializzazione, l'apprendimento e la conoscenza attraverso il gioco.
Programma della giornata:
Mattino:
- Arrivo al Museo didattico e disbrigo delle formalità.
- Suddivisione in squadre identificate con nomi di tribù protostoriche: es. Etruschi, Camuni, Celti.
- Trasferimento presso il villaggio preistorico della Riserva.
- Guida esplorativa dell'area di Foppe di Nadro alla ricerca delle figure che diverranno simbolo della loro tribù.
- Individuazione da parte delle squadre dell’area in cui allestiranno il loro accampamento.
- Ideazione e realizzazione del proprio totem utilizzando elementi naturali.
Pausa pranzo
Il pranzo è al sacco (non fornito da noi) e sarà consumato presso le nostre strutture all'aperto.

Pomeriggio:
le classi sociali:
- Le squadre, a turno, si cimenteranno in alcune prove di abilità e destrezza (tiro con arco, ponte tibetano, risalita di corda, ecc.) che serviranno per stabilire la gerarchia per il gioco successivo.

Il gioco delle tribù.

Si gioca all’aperto, nelle radure e nel bosco della Riserva. Scopo delle squadre (due o più) è catturare il totem del gruppo avversario per portarlo al proprio campo.
Il campo: deve essere diviso in spazi: le abitazioni, il tempio sacro inviolabile, il quartier generale con il totem.
Nel tempio sacro i nemici non possono entrare pena la morte.
Quartier generale con i totem c'è una guardia.

I ruoli.
I ragazzini sono suddivisi in ruoli (o gradi) che sono segnati da pendagli portati al collo e sono:
Il capo tribù
Lo sciamano
Il cavaliere
Lo scudiero
La guardia
I soldati (che avranno numeri diversi da 1 a 10)
Il contadino

Modalità di svolgimento
- Gli avversari si rincorrono in uno spazio stabilito
- Ogni giocatore riceve un biglietto di carta con scritto il proprio “grado” e ruolo, che dovrà rivelare ai suoi compagni e all’avversario solo se toccato (o se lui tocca l’altro).
- Il ruolo più importante è il Capo tribù, perché uccide tutti gli altri. Seguono poi, lo Scudiero, i soldati (da 1 a 10 o quanti sono i giocatori rimasti), con potere proporzionale al numero (cioè il numero 3 uccide il 7, il 2 uccide il 10 ecc.).
- Tutti i numeri sono uccisi dal Capo tribù che può essere ucciso dallo sciamano, che a sua volta può essere ucciso da tutti i numeri.
- Il contadino è ucciso da tutti e non può uccidere nessuno però è l'unico che può entrare nel tempio senza morire.
- La guardia dentro la caserma può uccidere tutti ma è uccisa dal cavaliere che può essere ucciso dalla guardia solo quando questa è fuori dal quartiere generale.
- se due giocatori dello stesso ruolo si toccano, devono toccare ognuno il proprio totem per ritornare in gioco.
- Chi viene ucciso va nell’Ade e non può assolutamente parlare con nessuno dicendo che ruolo aveva chi l’ha ucciso.
- Vince chi conquista il totem avversario.
- Si può giocare anche a squadra alleate; per esempio 3 gruppi contro 3, ognuno con propria bandiera, ruoli ecc. Si vince però tutti insieme, cioè quando un gruppo di alleati ha conquistato tutte e tre i totem avversari.
-
E’ un gioco/esperienza stimolante per lo spirito di collaborazione e per l'elaborazione di strategie.

Il costo dell'intera giornata è € 8,00 a partecipante (accompagnatore/responsabile gratuito), e comprende:
- ingresso riserva
- guida/animatore del museo
- materiali per attività
- utilizzo spazi ricreativi

Informazioni e prenotazioni presso la segreteria del Museo Didattico
Via Piana 29 Nadro di Ceto (BS)
Telefono: 0364 433465
Cellulare 3496072169
Mail ats.incisionirupestri@virgilio.it

Segni del tempo e simboli sulle rocce
Il territorio della riserva abbraccia i paesi di Ceto Cimbergo e Paspardo celando centinaia di rocce istoriate nella Preistoria, imponenti castagneti, boschi cedui e tranquilli cascinali che raccontano la storia dell’uomo e la sua ricerca di equilibrio con l’ambiente. In questo contesto prezioso si snodano i nostri itinerari turistici: visite guidate, cultura e tradizione

1 Foppe di Nadro
Composizioni di armi e di simboli dell’età del Bronzo, scene di riti, duelli e cerimonie dell’età del Ferro calano il visitatore nel complesso immaginario degli uomini preistorici. Nel cuore del circuito ad anello, l’area didattica propone la ricostruzione di un villaggio dove si conclude la visita con una piccola animazione di vita preistorica comprendente la nascita della tessitura e della produzione cerealicola.
Costo 7.00 €

 

 

2 Il castello e le incisioni di Campanine
La rocca di Cimbergo (XII-XIII sec.) incombe sul sentiero che conduce all’area di Campanine dove, accanto alle incisioni preistoriche, si sono affiancati misteriosi segni e simboli storici: scene d’impiccagione, balestre ed altre armi, alcuni “nodi di Salomone”, date, iscrizioni, stelle a cinque punte, croci e chiavi cristiane introducono alla comprensione del periodo medievale complesso e ricco di innovazioni.
Costo 6.00 €

 

 

3 Trekking leggero
Le aree istoriate di Foppe di Nadro, Figna e Campanine sono collegate da sentieri che in parte ricalcano gli antichi tracciati della strada delle Aquane e del sentiero Scarazze. Oltre alla visita alle rocce istoriate, che idealmente inizia a Foppe di Nadro con incisioni del tardo Neolitico e si conclude con le fasi storiche graffite a Campanine. Il percorso presenta interessati aspetti naturalistici dai terrazzamenti agricoli al castagneto di Campanine.
Costo 8.00 €

4 Ricostruzioni archeologiche
L’accensione del fuoco, la fusione del metallo e la produzione di una punta di freccia, la magia della trasformazione dei cereali in piccole focacce.
Gesti semplici che i nostri antenati compivano quotidianamente e di cui conserviamo memoria solo grazie agli studi di archeologia sperimentale.
Dimostrazioni e laboratori guidati da operatori culturali recuperano la manualità e la tecnologia ataviche, elaborano semplici elementi naturali trasformandoli in strumenti preistorici.
Costo 11.00 €

 

I costi sono da intendere a persona, offerta valida solo per gruppi con un minimo di 15 partecipanti.
Siamo a disposizione per formulare programmi personalizzati

I costi degli interventi, le modalità di logistica e altre informazioni sono da richiedere direttamente alla segreteria (tel. 0364/433465)